Firmato accordo triennale di cooperazione tra i due paesi a Palazzo Brigate, Franceschini: Italia sosterrà con forza adesione Albania in Ue

37
0

Il ministro della Cultura d’Italia, Dario Franceschini ha firmato al Palazzo delle Brigate un accordo di cooperazione triennale con la ministra della Cultura d’Albania, Elva Margariti che consiste nello scambio e nella promozione reciproca della cultura, dell’istruzione e dello sport.

Franceschini ha sottolineato il sostegno che l’Italia continuerà a dare all’Albania nell’avvio dei negoziati e nella sua adesione all’Ue.

La visita del ministro italiano a Tirana, programmata prima, è stata rinviata a causa della pandemia. La visita si svolge oggi e Franceschini è stato ricevuto questa mattina dalla ministra Margariti, al Palazzo delle Brigate, nell’ambito della Settimana italiana e della firma dell’accordo sulla cooperazione culturale, nel campo dell’istruzione e dello sport per gli anni 2022-2025.

“Non è un caso che ci troviamo in questo edificio, chiamato a volte Palazzo Reale, a volte Palazzo delle Brigate, un edificio commissionato dal re Zog e realizzato da un architetto italiano” – ha detto Margariti.

L’accordo consente lo scambio culturale di specialisti e la promozione reciproca, riguardo l’archeologia, le biblioteche, i teatri, ecc.

All’incontro, Franceschini ha sottolineato che l’accordo di cooperazione che viene siglato oggi rafforza le relazioni bilaterali, in un investimento che riguarderà non solo i settori tradizionali, dove la cooperazione è già forte, ma proseguirà anche nell’archeologia, nei musei, nel traffico di beni culturali. L’accordo misura questi, misura il futuro, il riconoscimento reciproco tra le nuove generazioni.

Più avanti, il ministro italiano ha parlato anche del sostegno che l’Italia dà al nostro Paese nel processo dell’avvio dei negoziati per la sua adesione all’Unione europea. Detto accordo rafforzerà ulteriormente il legame tra i due paesi. Per quanto riguarda l’istruzione, l’accordo si concentra, tra l’altro, sulla promozione delle rispettive lingue e culture, scambio di delegazioni ed esperti, gemellaggi di istituzioni, oltre a borse di studio per studenti e docenti.